CODICE MECCANOGRAFICO: boic833002 - TEL.: +39 051 6630611 - FAX: 051 6633468 - MAIL: boic833002@istruzione.it - PEC: boic833002@pec.istruzione.it - C.F. : 91200110376 CODICE UNIVOCO PER LA FATTURAZIONE ELETTRONICA: UF28K8

Attività didattiche scuola dell’infanzia “Gli aquiloni”

  • L’arte del segno

Il progetto, realizzato dall’ins. Angelita Sorrentino nella Sezione Blu, nasce dall’esigenza di avvicinare i bambini alla conoscenza delle forme geometriche. Le forme entrano nell’esperienza percettiva del bambino sin dai primi giorni di vita, sono parte integrante del mondo intorno a lui. Focalizzare l’attenzione su questo aspetto della realtà servirà a creare nel bambino maggiori consapevolezze, a fare ipotesi, a sperimentare abbinamenti, soluzioni nuove e a sviluppare conoscenze. Fare geometria nella scuola dell’infanzia, dunque, è possibile in una modalità ludica, il percorso vuole accompagnare i bambini ad una scoperta e conoscenza delle principali figure geometriche, per poi scoprire che ci sono stati uomini capaci di rappresentare nei loro quadri le figure piane, talvolta, come unico soggetto. Tutte le produzioni artistiche avranno come unico denominatore comune l’accompagnamento della musica… Attraverso la musica si favorisce la capacità espressiva e creativa in un contesto non verbale. Cerchi, quadrati, triangoli, piccoli e grandi, concentrici e multicolori che si incrociano per la loro strada, sembra quasi che danzino sulla tela come se seguissero il ritmo di una musica. Ogni quadro racconta, suona, canta, fa sognare… È l’armonia delle forme! Attraverso l’utilizzo di una grande varietà di materiali e impadronendosi di varie tecniche pittoriche i bambini riescono a valorizzare la loro creatività superando forme stereotipate del disegno. Tutte le attività proposte seguono un iter ben preciso: vivere l’esperienza con il corpo nel salone della scuola e successivamente la rappresentazione grafica.

Linee e puntini

Attraverso la lettura e la drammatizzazione del racconto “Punti e Linee” i bambini osservano e scoprono in maniera ludica il concetto del punto e della linea. Imitando i puntinisti, visioniamo il quadro di Signac “Il pino” e i bambini realizzano un proprio albero dell’autunno con la tecnica dei puntini, durante l’ascolto di due brani musicali con un ritmo completamente diverso: uno, “La danza della fata del confetto” di Tchaikowski, lento-dolce-romantico, riprende il viaggio di una foglia dal momento in cui si stacca dall’albero fino a quando arriva a terra; l’altro “La campanella “di Paganini, veloce-allegro, essendo una composizione per violino induce a pensare alle foglie mosse dal vento, che rotolano su se stesse da una parte all’altra del giardino. Osserviamo il quadro di Paul Klee “Acqua selvaggia” per scoprire un mondo di linee nell’arte, ascoltiamo il brano “Aquariun” di Saint Saens Carnival. I bambini dipingono un percorso della linea che di volta in volta cambia la situazione ad es. la linea scende le scale poi si mette a saltellare, le linee hanno andamenti diversi con molte variazioni…

Marble Art – Pittura con le palline

Tante linee colorate e allegre…

Immergiamo le palline nel colore e le facciamo rotolare su un lenzuolo, scopriremo………un mondo di linee.

Un bambino creativo è un bambino felice. (cit. Bruno Munari)

Il cerchio

In salone formiamo un grande cerchio, la maestra ci consegna un gessetto colorato e disegniamo un cerchio attorno ai nostri piedi, quando ci siamo spostati che meraviglia scoprire che si è realizzato un grande cerchio fatto da tanti cerchi colorati ……

Ascoltiamo durante il lavoro Rondò Veneziano Allegro.

Quadrati

Dall’unione delle due figure abbiamo creato CERCHI CONCENTRICI SU QUADRATI.

Un sistema inclusivo considera l’alunno protagonista dell’apprendimento qualunque siano le sue capacità, le sue potenzialità e i suoi limiti. (cit. prof. Sasso)

Dare ad ogni bambino ciò di cui ha bisogno.

A conclusione del nostro lavoro insieme alle famiglie è stata organizzata una gita a Milano per visitare la mostra Kandinskij il cavaliere errante in viaggio verso l’astrazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Attenti al lupo – festa di fine anno scolastico 2015/2016

E’ consuetudine che la nostra scuola organizzi una Festa per concludere l’anno in bellezza. Giovedì 19 maggio, nel giardino della scuola dell’infanzia “Gli Aquiloni”, si è tenuta una grande Festa dal titolo Attenti al lupo per festeggiare la fine dell’anno scolastico 2015/2016.

Le insegnanti credono molto in questa Festa, che diviene strumento per favorire momenti d’incontro e condivisione tra scuola e famiglia.

Coinvolti nella sua organizzazione insegnanti, collaboratori scolastici, bambini/e e genitori per un intero pomeriggio di giochi insieme. Tanta allegria, tanti giochi e anche un po’ di commozione …

Per questa occasione le insegnanti insieme ai bambini/e hanno rielaborato la favola dei Tre porcellini , sperimentando con loro un percorso per le strade di Funo.

Una grande collaborazione è arrivata da un gruppo di intraprendenti e volenterosi genitori che ha messo in scena la favola improvvisandosi attori per un pomeriggio. Con entusiasmo alcune mamme, papà, nonni e zii hanno cominciato a cucire costumi, preparare piccoli giochi , scrivere battute per poter interpretare al meglio i protagonisti della storia. Ad abbellire le strade di Funo , le case di paglia e di legno circoscrivevano il percorso organizzato, simbolicamente a rappresentare la famosa favola.   Le mamme e i papà travestiti da porcellini e lupi hanno sorpreso i bambini e regalato loro tante emozioni. Le varie scenografie organizzate a tappe lungo tutto il tragitto, hanno donato a quel percorso un pizzico di magia… con un divertimento senza limiti d’età!

Giunti al termine della passeggiata, tra gli applausi di piccoli e grandi spettatori, bambini e genitori hanno consumato un gustoso gelato nel giardino della scuola .

Un grande grazie a tutti e … al prossimo anno!

  • “L’ARTE IN GIOCO“

L’arte vissuta dai bambini come strumento educativoIl progetto ha avuto come input un corso di aggiornamento effettuato a inizio d’anno scolastico al MamBo, il museo d’arte moderna di Bologna.
Il corso ha avuto come tema il corpo e l’oggetto e ha dato l’avvio ad un progetto dove i bambini hanno utilizzato e rivisitato oggetti di uso quotidiano e / o parti del proprio corpo stampati su fogli e cartoncini, facendoli diventare altro.
Una scatola schiacciata e successivamente stampata è diventata un elefante, un cavallo con valigia,un razzo….; le mani dei bambini sono diventate animali, oggetti….; un orecchio stampato su un foglio e poi ingrandito è diventato un pesce, una guancia una gallina…..; una striscia di zerbino la bocca di una sagoma, due pon pon di pelliccia gli occhi e così via.
Un percorso dove è forte il potere simbolico dell’oggetto che viene scelto e utilizzato dal bambino, non solo perché piace, ma perché a volte in quell’oggetto il bambino si identifica.
Ecco quindi che la carta con le nuvole è stata scelta per il viso perché ” Io ho sempre la testa tra le nuvole”, o una piccola perla posta vicino all’occhio perché ”Oggi sono un po’ triste”, ecc….
L’autoritratto è diventato, in questo caso, una trasposizione del proprio vissuto emotivo, attraverso la scelta di materiali che simboleggiano un vissuto interiore, come ad esempio la cover di un telefonino che una bambina particolarmente loquace ha scelto per rappresentare la bocca.
Il materiale prodotto dai bambini è stato in parte esposto nei laboratori del Museo MamBo e, nella sua totalità, durante la festa di fine anno nel giardino della scuola in un angolo ad esso espressamente dedicato.

  • Premio Nazionale “Infanzia – Piccolo Plauto”, IX edizione, 2014

La Giuria del Premio Nazionale “Infanzia – Piccolo Plauto”, IX edizione, 2014, il 26 marzo scorso, nell’ambito della “Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi” di Bologna, ha premiato l’insegnante Anna Paola Corradi della Scuola dell’Infanzia “Gli aquiloni” di Funo per l’articolo pubblicato sulla Rivista “Infanzia”, n.1/2013

Poesie a piedi nudi

Miglior progetto educativo realizzato nella scuola dell’infanzia

Poesie a piedi nudi è un progetto sulla relazione fra i bambini e la poesia realizzato nella scuola dell’infanzia “Gli aquiloni” di Funo, per un gruppo di bambini di cinque-sei anni.

Premio Piccolo Paluto

I frammenti di alcune poesie di Neruda si sono innestati nei vissuti di contatto creativo con la natura condivisi dal gruppo, suscitando nei bambini un interesse che si è via via amplificato e diramato in molteplici direzioni.

Dal piacere di ascoltare versi poetici, di interrogarsi su parole mai sentite prima, di giocare con parole, suoni e significati, fino al cimentarsi nella produzione di prime poesie.

Sono nate così delle composizioni poetiche acerbe, spuntate per contatto e per rispecchiamento fra l’adulto e i bambini, e i bambini fra loro. Tentativi di dire con le parole, l’espressione grafica e prime prove di scrittura, contenuti poetici propri.

Infine, piccole performance teatrali hanno legato le parole e i corpi in movimento, raccontando con semplicità e intensità i pensieri poetici che corrispondevano al sentire e immaginare dei bambini.

Leggi l’articolo

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Mostra fotografica “Grandi sguardi – Visioni di occhi bambini”

Mostra fotografica dal 28 febbraio al 9 marzo 2014 – Teatro Testoni Ragazzi di Bologna

Un progetto a cura de La Baracca – Testoni Ragazzi in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia, Scuola di Specializzazione in Psicologia Cognitiva, Università di Bologna

Mostra fotografica Grandi Sguardi per home.docx

Dodici macchine fotografiche, fornite dall’Università, sono state lasciate nelle mani di bambini piccoli, da 2 a 5 anni, liberi di muoversi e di ritrarre a piacimento, all’interno di: due Scuole dell’infanzia, tre Nidi d’infanzia e due Centri bambini e genitori di Bologna e Provincia.

Tra queste, la Scuola dell’infanzia “Gli Aquiloni “ di Funo.

La mostra raccoglie solo alcune delle oltre 19.000 fotografie scattate, come esempi dello sguardo dei bambini coinvolti, uno sguardo che spazia tra micro e macro cosmo ed è libero e creativo. Un invito a rendersi conto che occhi tanto “piccoli” sono capaci di scegliere e raccontare.

Gli orari di apertura della mostra sono i seguenti: DURANTE IL FESTIVAL “Visioni di futuro, Visioni di teatro” – dal 28 febbraio al 9 marzo dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 – DOPO IL FESTIVAL – la mostra sarà aperta negli orari di apertura della biglietteria e fino al 24 aprile nei seguenti orari: dal martedì al venerdì dalle 16.00 alle 19.00;sabato mattina dalle 11.00 alle 13.00

Leggi dettagli

Arte A… scuolA

Martedì 25 settembre 2012 si è svolta la Festa di Fine Anno della Scuola dell’Infanzia “Gli Aquiloni” di Funo, prevista a maggio e rimandata causa terremoto.

Il titolo della festa, Arte A… scuolA, si riferisce al tema “arte e natura” che ha accomunato le scuole dell’Istituto nell’anno scolastico 2011-2012..

Durante l’intero anno i bambini di tutte le sezioni hanno sperimentato attività grafico-pittoriche legate al riciclo di materiali di recupero e all’incontro con le opere di alcuni artisti contemporanei: Mirò, Hundertwasser, Burri, Ligabue… per citarne solo alcuni.

Le proposte didattiche delle insegnanti, differenziate in base all’età dei bambini e realizzate a piccoli gruppi nell’atelier della scuola, hanno permesso di scoprire molteplici materiali e di utilizzare tecniche diverse.

Le produzioni dei bambini sono state esposte in una “galleria” allestita lungo gli spazi della scuola: una sorta di “vernice” per la scuola fresca di ristrutturazione.

La festa ha anche quest’anno coinvolto nella sua organizzazione insegnanti, bambini, genitori e collaboratori scolastici per un pomeriggio di giochi, di divertimento e vicinanza fra scuola e famiglia.

Questo slideshow richiede JavaScript.


  • Per il lavoro di rielaborazione degli spettacoli visti a teatro, sul piano linguistico, grafico-pittorico e costruttivo-manipolativo, la scuola ha vinto le edizioni 2011-2012 e 2012-2013 del Premio Teatropuntodoc promosso dal Testoni Ragazzi.

Leggi i dettagli dell’edizione 2011/2012

Teatropuntodoc 2011/2012

 

Leggi i dettagli dell’edizione 2012/2013

Premio Teatropundoc 2013

  • Festa di fine anno scolastico 2010/2011 Girotondo, gira il mondo;tema ispiratore è stato quello dell’intercultura.

Leggi di più sulla festa

  • Nel 2007, la scuola ha vinto la 1° Edizione del Premio Claudio Massari “Guardando il pesce rosso e gli uccelli gialli di Paul Klee.“, promosso dal Testoni Ragazzi, dal Coordinamento Pedagogico Provinciale e dalla Granarolo per progetti dedicati al rapporto tra arte e infanzia. http://www.premioclaudiomassari.it/gall.php?idgallery=17