CODICE MECCANOGRAFICO: boic833002 - TEL.: +39 051 6630611 - FAX: 051 6633468 - MAIL: boic833002@istruzione.it - PEC: boic833002@pec.istruzione.it - C.F. : 91200110376 CODICE UNIVOCO PER LA FATTURAZIONE ELETTRONICA: UF28K8

Category Archives: Attività didattiche scuole primarie

Dalle linee al pixel: paesaggi urbani e geometria seguendo Mondrian

Sulla scia del percorso effettuato lo scorso anno “La geometria nell’arte: punti, linee e figure piane”
in questo nuovo itinerario trasversale ad arte, geometria, coding e tecnologia, partendo dal punto quale unità minima, e attraversando il mondo delle linee anche nell’arte, nella classe III A della scuola primaria “G. Falcone” di Funo, abbiamo utilizzato i colori primari e i non-colori nello stile dell’artista Piet Mondrian, pittore che ci ha ispirato anche nei nostri paesaggi metropolitani.
Tale progetto ci ha permesso un primo approccio all’uso di strumenti geometrici quali la squadra e il righello, anche usati insieme.
Partendo dalla lettura e dalle opere illustrate nel testo Mondrian e le geometrie della collana Arte per crescere di Art’è Ragazzi abbiamo osservato e ammirato i principali passaggi evolutivi nella pittura di questo artista olandese straordinario, convinto che “il pensiero, la bellezza e l’arte potessero rendere il mondo migliore e la vita degli esseri umani più piacevole e degna di essere vissuta.”(cit.)
Partendo da paesaggi naturali e colorati, Mondrian si sposta sempre più verso l’astrattismo, fino ad arrivare a usare solo linee orizzontali, linee verticali e colori puri primari, per dare ordine e rigore a una società che non lo soddisfaceva.
Passando dunque per le diverse fasi della sua arte, abbiamo osservato le sue composizioni floreali, il periodo parigino, arrivando al periodo newyorkese a al boogie-woogie.
In classe ci siamo soffermati in maniera particolare sui suoi paesaggi metropolitani, provando a interpretare le sue teorie e a ispirarci ai suoi disegni per comporne di nostri.
Dalle linee tracciate con la guida degli strumenti geometrici siamo partiti per il percorso che ci avrebbe portati dal punto alle linee e infine al pixel.
Armati di matita, righelli e squadrette abbiamo provato a immaginare paesaggi metropolitani.
In classe un video di YouTube con un’animazione in 3D di alcuni designer olandesi, ci ha dato modo di immaginare come Mondrian intendesse la sua arte nell’opera Victory Boogie Woogie (YouTube video “Mondrian: astrattismo geometrico” di Elena Barattero dal minuto 0:00 al minuto 1:32)
Ispirati dal video abbiamo iniziato ad immaginare anche noi una metropoli dall’alto e con l’aggiunta di nastro isolante nero e pennarelli, abbiamo composto anche noi le nostre opere astratte.
Successivamente ogni alunno ha individuato un particolare della sua composizione che gli sarebbe piaciuto trasformare in una piccola opera d’arte traducendola in codice. Traslando il linguaggio visivo in codice e questo in linguaggio digitale.
Dal codice si è passati alla riproduzione in Pixel-Art attraverso l’uso di piccole perline colorate, dapprima disposte con precisione su delle apposite griglie e poi fissate dall’insegnante con la carta da forno e il ferro da stiro.
Con questo percorso, attraversando l’arte di Piet Mondrian, gli alunni hanno sperimentato in maniera diretta l’uso del punto, delle linee e la trasformazione di un’immagine in linguaggio digitale, scomponendola in pixel, componenti elementari.
Le alunne e gli alunni della classe III A della Scuola Primaria “G. Falcone” di Funo di Argelato (Bo) Istituto Comprensivo di Argelato anno scolastico 2017/2018
Ins. Rosalinda Ierardi.

Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Postato in Alunni, Attività didattiche scuola primaria "Giovanni Falcone", Attività didattiche scuole primarie, Scuola primaria "Giovanni Falcone". Tagged with .

Arte e Solidarietà

Anche quest’anno i ragazzi delle classi quinte della Scuola primaria P. Borsellino, sono stati coinvolti nel progetto DIPINGIAMO LE EMOZIONI, seguito dall’ins. Danila Gurzí.
Tema trattato: la POP ART. Questo movimento artistico si presta più di ogni altro a essere condiviso con i bambini perché come pensava Warhol, l’arte deve essere poco complicata, facile da comprendere e celebrare ciò che piace di più.
I pannelli in legno di grandi dimensioni realizzati dai ragazzi, sono stati venduti in occasione della festa di fine anno scolastico. Il ricavato sarà interamente devoluto all’associazione Piccoli Grandi Cuori, il cui obiettivo è aiutare le famiglie ed i bambini portatori di cardiopatie congenite.

Postato in Alunni, Attività didattiche scuola primaria "Paolo Borsellino", Attività didattiche scuole primarie.

Festa di fine anno 2017-2018 – Scuola Primaria P. Borsellino

Anche quest’anno la Scuola Primaria P. Borsellino di Argelato ha festeggiato la chiusura dell’anno scolastico. Mission della festa il gioco INCLUSIVO in cui tutti possono esprimersi ed il gioco LEALE o come andrebbe chiamato: il FAIR PLAY. L’etica dello sport impone di agire con onestà, accettando i propri limiti, nel rispetto delle regole e degli altri, ma questi principi non dovrebbero appartenere solo agli atleti, dovrebbero anzi essere insiti nella coscienza di ogni individuo che voglia appartenere ad una società giusta e accogliente.

Abbiamo voluto innestare questo “seme” nelle coscienze delle piccole generazioni attraverso una serie di azioni didattico-sportive, perché lo sport è un linguaggio universale che arriva a tutti ma soprattutto promulga i valori dell’amicizia, del rispetto, della responsabilità.

È stato un lavoro trasversale che ha dato i suoi frutti, al quale ci siamo dedicati tutto l’anno con cura, ponendo in essere abilità, competenze ed esperienza.
Il 26 maggio 2018, studenti, insegnanti e famiglie si sono ritrovati al campo sportivo adiacente la scuola. Esso è stato diviso in 5 aree, ognuna allestita e destinata ad un gioco-sport: ogni classe, turnandosi nelle varie aree, ha così svolto tutti i giochi proposti.
I bambini, divisi per squadre, capitanati dai loro maestri e dagli esperti, sono scesi in campo unendo le “diverse abilità”, colmando le disparità culturali, sociali e di fede religiosa, insegnando a noi adulti, come spesso accade, che è necessario sapersi confrontare con la diversità per conoscere meglio se stessi e scoprire che l’unicità di ognuno ci arricchisce.

Al termine dei giochi, tutti si sono recati al giardino di Villa Beatrice, gentilmente concesso dal centro sociale, dove sono stati allestiti dei banchetti per il rinfresco e venduti manufatti creati dai bambini, tra questi, i quadri variopinti realizzati dalle classi V.
A rapire l’attenzione di tutti, il maestro Giulio, travestito da clown, che ha saputo strapparci molti sorrisi facendoci tornare un po’ bambini.

A seguire, il saluto delle quinte che hanno appena concluso un ciclo scolastico: gli alunni hanno liberato i loro palloncini affidando ad ognuno di essi un pensiero, forse un desiderio, un sogno o semplicemente il ricordo più bello e tutti noi con i nasi all’insù abbiamo accompagnato con lo sguardo e anche con una leggera commozione, la scia di quei palloncini colorati danzanti nel cielo.

A conclusione della giornata la tradizionale lotteria con l’estrazione dei premi in palio.

La scuola ringrazia per la partecipazione e la collaborazione:

  • l’ Amministrazione Comunale e il Sindaco
  • il comitato genitori e tutti i genitori che hanno contribuito alla realizzazione della festa
  • l’ AVIS
  • i negozianti che hanno contribuito con i loro prodotti ad arricchire la lotteria
  • i “nonni” di Villa Beatrice che come sempre hanno messo a disposizione la struttura
  • l’istruttrice Rita Verati sport Ju-Jitsu di Volta Reno che con la sua professionalità ha curato parte dei giochi sportivi
  • il maestro Giulio e il suo collaboratore.

 

Postato in Alunni, Attività didattiche scuola primaria "Paolo Borsellino", Attività didattiche scuole primarie.

Cantiamo insieme l’Aida di Giuseppe Verdi al teatro Comunale di Bologna

In occasione del 2018 Anno Europeo del Patrimonio Culturale, l’Associazione Musicale EuropaInCanto ha scelto di dedicare questa edizione allo studio e alla messa in scena di un grande capolavoro di Giuseppe Verdi: AIDA.

Il progetto aveva l’ obiettivo ambizioso di far avvicinare all’Opera i ragazzi delle scuole, dall’Infanzia, alla Primaria e Secondaria di primo grado e giungere così anche alle Famiglie degli alunni

Gli studenti avrebbero potuto scoprire e vivere da protagonisti il melodramma, a scuola ed in teatro.

Un’occasione ed un’opportunità che le insegnanti delle classi IV A, IV B e IV C della Scuola Primaria Giovanni Falcone di Funo hanno ritenuto di non perdere.

Un percorso musicale diverso e multidisciplinare nel quale l’ argomento storico trattato ben si prestava anche allo studio della civiltà egizia, come da programma scolastico.

Premessa fondamentale è stata la preparazione delle insegnanti che, in orario extrascolastico, hanno partecipato a tre incontri, tenuti da musicisti professionisti, di educazione al canto ed alla musica, che sono serviti, durante le ore di lezione in classe, ad intraprendere un articolato percorso di avvicinamento dei ragazzi all’opera lirica.

Supportati dall’ausilio di un libro didattico e di un dvd karaoke gli alunni hanno conosciuto la trama, i personaggi, la grande storia d’amore tra Aida e Radamès, le melodie più famose, il teatro e tutti i suoi segreti: da boccascena, sipario, golfo mistico o buca d’orchestra a palchi e platea.

Questo percorso ha permesso soprattutto  di conoscere la vita e le opere di uno dei più grandi compositori italiani: Giuseppe Verdi.

Contemporaneamente alla preparazione musicale, si è avviato un laboratorio per la realizzazione dei costumi e degli oggetti di scena. Si sono utilizzati materiali semplici e di riciclo e con la grande fantasia di cui sono capaci i ragazzi, si è ottenuto un risultato originale, al di la’ delle aspettative delle insegnanti. Si è potuta realizzare tutta la parte decorativa dei manufatti grazie al prezioso contributo di una mamma della IV C che ha donato stoffa, perline, paillettes e il modello del costume da dignitari di corte e da ancelle. Successivamente alcune mamme delle tre classi hanno gentilmente contribuito alla realizzazione dei costumi stessi.

Il progetto didattico, durato da dicembre a maggio, si è concluso con due incontri collettivi tenuti da professionisti e cantanti lirici nei quali tutte e tre le classi si sono riunite e coralmente hanno ripassato e perfezionato i brani studiati durante l’anno.

Finalmente e’ arrivato l’ 11 maggio 2018, ovvero il giorno tanto atteso dello spettacolo al Teatro Comunale di Bologna.

Partiti da scuola con l’autobus di linea prenotato dalle insegnanti, indossando i costumi di scena e gli elementi di attrezzeria realizzati, si è arrivati a Bologna per poi raggiungere a piedi il teatro in un tripudio di foto e complimenti da parte di chi durante il percorso ci ha incontrati!

Nella platea del teatro erano presenti anche classi di scuole di altri istituti che hanno aderito al progetto. Iniziato lo spettacolo, a turno gruppi di alunni hanno interagito con movimenti appropriati, intonando le arie insieme ai cantanti professionisti sul palco, mentre il direttore d’orchestra rivolto alla platea guidava le classi, in attesa del proprio turno, nell’esecuzione dei cori. Un immergersi stupendo nelle arie dell’ Aida! Grande emozione da protagonisti.

Alcuni brani son stati anche tradotti nella LIS, lingua dei segni.

Chiuso il sipario le luci si sono accese e un tripudio di applausi ha invaso il teatro. I genitori commossi si sono complimentati con i ragazzi che hanno potuto vivere un meraviglioso percorso “magico” di vita interdisciplinare da veri protagonisti!

Il Dirigente Scolastico ringrazia tutti gli operatori esterni, le maestre che hanno accolto il progetto Aida, i genitori e gli alunni per l’esperienza straordinaria vissuta.

Di seguito alcune foto e un video che documentano questa bella avventura nel mondo dellopera e le attività laboratoriali condotte in classe.

 

Postato in Attività didattiche scuola primaria "Giovanni Falcone", Attività didattiche scuole primarie, Scuola primaria "Giovanni Falcone".

Festa di fine anno scolastico 2017/2018 alla scuola primaria “G. Falcone”

“ Insieme … mettiamoci in moto!”

La festa della scuola primaria di Funo è stata il momento conclusivo di un grande progetto di plesso, durato tutto l’anno scolastico, che ha coinvolto tutte le classi e tutti i docenti.

Tema portante del progetto, LO SPORT, inteso dal punto di vista dell’INCLUSIONE E DELLA VALORIZZAZIONE POSITIVA DELLE DIFFERENZE.

Gli alunni e i docenti hanno partecipato a varie attività sportive, tenute da esperti del settore ed hanno, contemporaneamente, partecipato a laboratori esperienziali di sport specifico per persone con disabilità ( BASKET IN CARROZZINA, BASKIN, SITTING-VOLLEY …), incrementando , in questo modo, la propria conoscenza ed empatia.

Allo sport è seguita un’attività di CINEFORUM, svolta in compresenza con i docenti di classe, a conferirne maggior valore. Sono stati visionati film e cartoni animati aventi come argomento disabilità di persone e/o animali. I film sono stati motivo di grande interesse ed entusiasmo, cui sono seguiti interessanti ed educativi dibattiti.

Sono poi venuti a trovarci, su nostro invito, due campioni paraolimpici di scherma e canoa, Emanuele Lambertini e Federico Mancarella che ci hanno raccontato la loro storia, permeata di sacrifici ma anche di tante soddisfazioni e ci hanno mostrato come, anche di fronte alle avversità che la vita ci riserva, si può trovare la strada per la propria autoaffermazione e felicità.

Il laboratorio delle mamme del Comitato Festa, in cui si sono creati manufatti da vendere al mercatino della Notte Bianca di Funo, e la festa di fine anno della scuola stessa, sono stati il momento conclusivo di questo percorso particolare ed entusiasmante.

Si ringraziano: il Sindaco, l’Amministrazione Comunale, la Polisportiva sezione calcio, il Coni, il Mondo del ballo, lo Spazio labo, i musicisti Riccardo e Piero Bianco, il maestro Vincenzo Rizzo,  Massimiliano Govoni per le foto, la Conad di Funo che ci ha fornito prodotti per la merenda della festa, l’Avis, la Dussman, Michele Palma.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Postato in Attività didattiche scuola primaria "Giovanni Falcone", Attività didattiche scuole primarie, Scuola primaria "Giovanni Falcone". Tagged with , , .

Benvenuti nel pazzo mondo di Ciccio Pasticcio!

La classe II A della scuola primaria “P. Borsellino” è stata coinvolta attraverso una metodologia di insegnamento-apprendimento laboratoriale in un percorso educativo interdisciplinare (Scienze – Motoria – Tecnologia). Oltre al perseguimento degli obiettivi didattici, il percorso mira a rafforzare l’identità di gruppo classe partendo dalle caratteristiche del contesto.

Postato in Alunni, Attività didattiche scuola primaria "Paolo Borsellino", Attività didattiche scuole primarie.

I ritratti della V A

Una carrellata dei ritratti eseguiti dagli alunni della classe V A durante l’anno scolastico e assemblati da alcuni di loro in tecnologia con la tecnica del morphing.
Colonna sonora California lullaby di Josh Woodward.

Postato in Alunni, Attività didattiche scuola primaria "Giovanni Falcone", Attività didattiche scuola primaria "Paolo Borsellino".

Il campione Emanuele Lambertini alla scuola primaria di Funo

“Una vita di gloria vale un minuto di dolore” questo è il motto di Emanuele Lambertini, campione paralimpico di scherma che  martedì 27 Marzo, è venuto in visita alla scuola primaria “G. Falcone” di Funo, a parlare con bambini e insegnanti della sua esperienza.

Emanuele ci ha trasmesso tutta la sua forza, il suo coraggio e la sua determinazione. Merita davvero tutte le medaglie che ha vinto!

L’incontro è stato uno dei momenti più importanti del nostro progetto di plesso “Insieme… mettiamoci in moto” che ha coinvolto le bambine e i bambini sull’argomento delle disabilità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Postato in Attività didattiche scuola primaria "Giovanni Falcone", Attività didattiche scuole primarie, Scuola primaria "Giovanni Falcone". Tagged with , .

XXIII giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle Vittime di Mafia

Ponti di memoria luoghi di impegno
Oggi le scuole primarie del nostro istituto, intitolate ai giudici Falcone e Borsellino, hanno organizzato delle attività in occasione della XXIII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle Vittime di Mafia.
Alla presenza degli alunni, dei docenti, delle famiglie e della Dirigente Borghi, la Sindaca Claudia Muzic ha ricordato tutte le vittime di mafia.
Classe V A scuola primaria “P. Borsellino”
 Classe V B scuola primaria “P. Borsellino”
 Deposizione delle corone a Funo e ad Argelato
Postato in Alunni, Attività didattiche scuola primaria "Giovanni Falcone", Attività didattiche scuola primaria "Paolo Borsellino", Attività didattiche scuole primarie, Genitori, Scuola primaria "Giovanni Falcone", Scuola primaria "Paolo Borsellino". Tagged with , , , , .

Certificato di eccellenza Eu Code Week 2017

Siamo lieti di comunicare che anche quest’anno l’Istituto Comprensivo di Argelato ha ricevuto il certificato di eccellenza da parte della Commissione Europea per aver partecipato alla Eu Code Week  con più del 50% dei suoi studenti.

Certificato di eccellenza Europe Code Week 2017

 

Nelle settimane dal 9 al 20 ottobre 2017 le classi delle scuole primarie, della secondaria e da quest’anno anche le sezioni di 5 anni delle scuole dell’infanzia, hanno svolto almeno 1 ora di coding per avvicinare le studentesse e gli studenti alla programmazione informatica e al pensiero computazionale.

Nello specifico 37 classi per un totale di 754 alunni di cui il 47,3% di femmine.

Maggiori dettagli nella pagina dedicata “Coding“.

 

La Referente per la Eu Code Week

Ins. Rosalinda Ierardi

Postato in Alunni, Attività didattiche scuola secondaria di I grado "Nicholas Green", Attività didattiche scuole dell'infanzia, Attività didattiche scuole primarie, Comunicazioni istituto. Tagged with , .