CODICE MECCANOGRAFICO: boic833002 - TEL.: +39 051 6630611 - FAX: 051 6633468 - MAIL: boic833002@istruzione.it - PEC: boic833002@pec.istruzione.it - C.F. : 91200110376 CODICE UNIVOCO PER LA FATTURAZIONE ELETTRONICA: UF28K8

Unicef – Verso una scuola amica

Scuola amica dei bambini e dei ragazzi – Unicef Italia

Attestato Scuola Amica 2015

 

Progetto “Verso una scuola amica” 2015/2016 dell’I. C. Argelato

In tutte le classi delle scuole Primarie e Secondaria di primo grado dell’Istituto sono stati presi in esame, a livelli diversi, argomenti riguardanti i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, in modo generale o monografico.

Attivazione/consolidamento di percorsi di progettazione partecipata con il coinvolgimento diretto degli studenti su tematiche afferenti l’accoglienza/inclusione o la partecipazione/legalità:

Progetto “Condividi la Pace”. Il tema della “Pace”offre la possibiltà di sensibilizzare i giovani sull’importanza della pace, intesa come amicizia , amore e rispetto dei diritti di ogni popolo e di ogni singola persona.
Gli alunni sono stati coinvolti a dare espressione artistica alla loro visione della pace mediante la preparazione:
– di elaborati attraverso linguaggi non verbali (grafico-pittorico).
– realizzazione di un poster individuale da inviare ai Lions.
“Condividi la Pace” è il tema del concorso Un poster della Pace 2015/16 sponsorizzato dai Lions club di tutto il mondo.

Sabato 12 dicembre 2015 nel Municipio di Argelato sono stati esposti gli elaborati realizzati dai ragazzi di tutte le classi della Scuola Secondaria di I grado e la premiazione del concorso è avvenuta alla presenza del Sindaco, della Dirigente Scolastica e del referente dei Lions club.

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR), organo elettivo formato dai ragazzi delle classi quinte della Primaria e di tutte le classi della scuola Secondaria. Ciascuna classe ha eletto due rappresentanti che hanno formato il CCR e, al suo interno, hanno scelto il Sindaco dei Ragazzi. Il CCR si occupa di argomenti di interesse comune, scelto autonomamente dai ragazzi che lo compongono e svolge attività collegate al raggiungimento dei fini contenuti nei progetti prescelti. Svolge anche attività propositive nei confronti del Consiglio Comunale “degli adulti”. Il Sindaco dei ragazzi ha anche affiancato il “Sindaco degli adulti” in alcune manifestazioni indossando la fascia tricolore.

Anche quest’anno scolastico l’Istituto ha attivato uno “Sportello d’Ascolto”, gestito dal dottor Nanni, un servizio di consulenza psicologica rivolto a docenti, alunni e famiglie dell’Istituto comprensivo.

Il territorio in cui ha sede l’Istituto Comprensivo è un territorio caratterizzato da fenomeni migratori, presenza di alunni nomadi e profughi, la presenza di alcune comunità con finalità di accoglienza, assistenza e sostegno educativo a persone sole e famiglie in difficoltà. Inoltre l’Istituto presenta un elevato numero di alunni in situazione di handicap e di bisogni educativi speciali.
In questo contesto, contrastare il disagio scolastico richiede l’adozione di una prospettiva circolare e sistemica, che porti a valutare una situazione di disagio come una condizione di difficoltà di tutti i componenti del sistema di cui il ragazzo fa parte (la famiglia, la scuola, la persona stessa, il contesto sociale).
La presenza nelle classi/ sezioni di ragazzi con problematiche rilevanti investono il docente di un ruolo plurifunzionale che spesso necessita di un supporto specifico mirato, veicolato nella figura dello psicologo dello S.P.A. (e/o altro…) la cui funzione è quella di collaborare con il docente nel suo percorso educativo – curricolare e creando, comunque, una rete Istituzionale in cui anche la famiglia viene coinvolta per il benessere del proprio figlio ed in cui vengono esplicitati sia gli obiettivi comuni sia le corresponsabilità educative.

Progetto” Musica e movimento”. I docenti della scuola primaria “G. Falcone” hanno espresso l’esigenza di promuovere un unico progetto che coinvolga a vari livelli, tutti gli alunni con particolare riguardo agli alunni in situazione di svantaggio e disagio.
L’azione, con attività di gruppo e piccolo gruppo, ha utilizzato soprattutto il linguaggio non verbale per sviluppare le capacità di espressione e comunicazione di ciascuno.
Le attività sono state di tipo motorio, musicale, ritmico e di drammatizzazione per aiutare ciascuno a liberare le proprie emozioni che sono state condivise con il gruppo valorizzando quindi le diversità.
In ogni classe gli insegnanti hanno concordato con gli operatori un tema conduttore delle attività in base alla conformità ed esigenze della propria classe. Il progetto è stato attuato da un musicista, Alessandro Cocchi e da Barbara Tarozzi musicoterapista entrambi soci della società “La Venenta”.  In otto incontri laboratoriali per ogni classe i ragazzi utilizzando voce, corpo e vari strumenti musicali hanno: favorito l’espressione e l’acquisizione di nuove modalità di comunicazione; favorito il miglioramento delle capacità individuali e di gruppo; favorito l’esplorazione delle proprie abilità motorie e di ritmo musicale; favorito l’autonomia e l’autostima.

Progetto ”Collaborazione con i Centri Sociali e volontari”. Le scuole Primarie e dell’infanzia hanno collaborato con i “nonni” imparando ad utilizzare diverse tecniche, ormai in disuso, per costruire oggetti progettati e arricchire così le capacità espressive, pratiche e manipolative. I ragazzi hanno ascoltato meravigliati il racconto del secondo dopoguerra da chi ha vissuto esperienze per loro inimmaginabili ed hanno toccato con mano oggetti e giochi di una volta.                                                       

Il rapporto con i “nonni” ha contribuito a far crescere i bambini sia dal punto di vista educativo che da quello affettivo incentivando in essi sentimenti di amicizia, rispetto e collaborazione tra generazioni diverse.

“Progetto Scuola in Festa”, tutte le scuole dell’Infanzia e le scuole Primarie dell’Istituto privilegiano, nel corso dell’anno scolastico, due momenti: la festa di Natale e quella di fine anno scolastico per collocare la scuola in un contesto più ampio che vede coinvolte le famiglie ed altre associazioni del territorio. Ogni singolo si sente così parte di un grande gruppo e può contribuire, con le proprie competenze e i propri talenti, ad un momento di aggregazione e socializzazione.

 

Progetto “Verso una scuola amica” 2014/2015 dell’I. C. Argelato

 

Progetto “Verso una scuola amica” 2013/2014 dell’I. C. Argelato